Ottimizzare il sito e Google search console

Tempo di lettura 4 minuti

Ottimizzare il sito web e’ molto importante perche’ google cambia spesso il suo algoritmo e le compliance Potresti avere familiarità con Google Analytics, utilizzato per monitorare il traffico su un sito Web, anche se le norme in europa sono cambiate ,ma questo e’ un’altro argomento, ma non molti hanno familiarità con Google Search Console . In questo articolo spiegherò le caratteristiche di google search console per ottimizzare un sito web.

Quando si parla di Google Search Console  la cosa grandiosa è che non c’è nulla che devi veramente “impostare”. Nessun codice da installare o qualcosa del genere. È gestito al 100% dai server di Google: devi solo dimostrare che il tuo sito è davvero tuo e poi avrai accesso ai dati all’interno.

Google Analytics contro Google Search Console

Quando si inizia per la prima volta, le persone sono spesso confuse sulla differenza tra Google Analytics e Google Search Console, poiché sembrano abbastanza simili – e lo sono. La migliore analogia che ho è questa:

Google Analytics è sul tuo sito. È come se qualcuno fosse a casa tua e scrivesse tutto quello che sta succedendo. Chi viene, chi se ne va, che aspetto hanno, cosa hanno fatto mentre erano lì. Cose del genere.

Google Search Console è più simile a qualcuno in macchina davanti a casa tua. Possono vedere chi va e viene, ma non possono dire cosa sta realmente accadendo dentro.

La cosa grandiosa di Search Console è che Google può dirti molto su ciò che sta accadendo con il tuo sito su Google. Analytics ti dice solo cosa succede quando qualcuno arriva sul tuo sito (il che è estremamente prezioso, ovviamente), ma Search Console può dirti di più su cosa è successo prima che arrivassero.

In effetti, può aiutare a rispondere ad alcune delle domande che ho sollevato nel mio recente post su Survivorship Bias : quali sono alcune cose che le persone cercano su Google quando il tuo sito non viene cliccato? Questa è un’informazione straordinaria da sapere.

Come Google Analytics, ci sono centinaia di cose da vedere in Google Search Console e può essere un po’ travolgente. Per iniziare, ecco tre aree che mi piace esaminare in Search Console.

risultati di ricerca

Se fai clic su “Risultati di ricerca” sul lato sinistro della pagina, puoi approfondire il modo in cui il tuo sito viene visualizzato nelle ricerche di Google. Tra le altre cose, questa pagina ti mostrerà quanti “clic” e “impressioni” sei stato coinvolto di recente.

I clic mostrano quante volte sei apparso alla ricerca di una determinata query e poi l’utente ha fatto clic per accedere al tuo sito.

Le impressioni indicano quante volte sei apparso alla ricerca di una determinata query, indipendentemente dal fatto che qualcuno abbia fatto clic o meno sul tuo risultato.

L’intersezione di questi è piuttosto ordinata: puoi vedere le volte in cui ti presenti molto per un determinato termine di ricerca ma hai zero clic. Questa è probabilmente un’ottima opportunità per lavorare su quella parola chiave e iniziare a ricevere alcuni clic. È molto più facile aumentare una parola chiave del genere piuttosto che cercare di classificarne una nuova di zecca.

Ecco uno screenshot di questo blog in Search Console, che mostra un sacco di grandi opportunità per me.

ottimizzare il sito web e' importante

Mappe del sito

L’area successiva da visitare è la scheda “Sitemap” sul lato sinistro di Search Console. Qui è dove puoi collegarti a una mappa del sito sul tuo sito, che è una pagina speciale che elenca tutte le tue pagine e i tuoi post. Non è molto da guardare, ma può essere piuttosto utile. Ad esempio, se vuoi controllare la mappa del sito per questo sito, puoi vederla qui:

https://www.ladigital.it/sitemaps.xml

Questo è potente con Search Console, tuttavia, perché è un modo rapido per dire a Google quali sono tutte le tue pagine. Non ti classificheranno necessariamente meglio per questo, ma aiutare Google a capire il tuo sito web è sempre una buona idea.

Per trovare la tua mappa del sito, la maggior parte dei plugin SEO su WordPress ne include uno, altrimenti WordPress stesso ne ha uno che puoi usare. Se non sei su WordPress, controlla con il tuo software per vedere come lo gestiscono.

L’altra cosa grandiosa delle sitemap è che si aggiornano automaticamente. Caricalo in Search Console una volta e raccoglierà automaticamente ogni nuova pagina e post che crei in futuro.

Messaggi da Google

Questo è forse il meno utilizzato, ma il più importante. Se Google rileva un problema con il tuo sito, utilizzerà Search Console per contattarti. Se non hai configurato Search Console, sei sfortunato.

Potrebbero contattarti perché alcune delle tue pagine sono scomparse, o pensano che tu sia stato violato o per una varietà di altre cose. È quasi sempre una cattiva notizia, ma è una notizia di cui devi essere a conoscenza per poterla risolvere.

Impostiamo Search Console per ogni sito cliente che gestiamo, con il compito principale di ascoltare questi messaggi in modo da poter risolvere eventuali problemi che potrebbero verificarsi.

Come iniziare

Se non sei ancora configurato in Search Console, è abbastanza facile iniziare. Basta andare qui:

https://search.google.com/search-console/welcome

Inserisci l’indirizzo del tuo sito e poi ti chiederà conferma. Potrebbe richiedere un po’ di lavoro, ma il tuo sviluppatore web può aiutarti.

Oppure, se qualcun altro ha già accesso a Search Console per il tuo sito, può fare clic su “Impostazioni” e quindi su “Utenti e autorizzazioni” e aggiungerti in questo modo.

Se hai difficoltà a ottenere la verifica o hai altre domande su come utilizzare Search Console, per approfondire questo discorso o per qualsiasi tipo di approfondimento contattaci sarà un’ottima occasione per conoscerci e creare valore per entrambi.

Grazie per aver letto questo contenuto

Emil Tonelli

Buona ottimizzazione!

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 1 Media: 5]